Metodi per il Waist Training

Sul modo di attuare il waist training esistono metodi differenti. I più popolari sono essenzialmente due: il primo chiamato “montagne russe” (“Roller Coaster”), il secondo chiamato “ciclico” (“Cycle Method”).

– Metodo Montagne Russe:

è una metodologia molto rigorosa e precisa. Consiste nel mantenere una riduzione del girovita definita preventivamente, per un certo numero di giorni.

Esempio: il mio girovita misura all’inizio 68 cm. Decido di ridurlo due centimetri per volta, fino ad arrivare a 60 centimetri.

Questo vuol dire che tutti i giorni farò attenzione a stringere il mio corsetto esattamente alla misura desiderata. Nell’esempio: 66 centimetri come primo obiettivo. I primi giorni indosserò il corsetto per un paio di ore al giorno, incrementando di due ore di volta in volta, ogni giorno in cui mi sentirò pronta a “resistere” un po’ di più. Ogni volta in cui mi sentirò ragionevolmente comoda nel portarlo per il tempo prefissato, posso passare all’incremento successivo. (Es: 66 cm, per i primi 5 giorni 2 ore al giorno, poi per i successivi 14 giorni per 4 ore al giorno, poi 6 ore, ecc..), fino ad arrivare a sentirsi comode nell’indossarlo per 8 o 10 ore al giorno. Arrivate a questo punto, si può passare ad una riduzione di altri due centimetri, rincominciando con la procedura. Quindi passo a misurare esattamente 64 centimetri, indossandolo per 2 ore al giorno, poi 4, poi 6, ecc.. Ripetendo tutti gli step fino ad arrivare alla misura desiderata di 60 centimetri.

Questo metodo prevede di monitorare costantemente girovita e orologio. Potreste dover aggiustare l’allacciatura diverse volte al giorno, perchè il corpo reagisce in modo diverso a seconda dei momenti della giornata. Per esempio: dopo pranzo o dopo qualsiasi pasto, il mio corpo tenterà di opporre maggiore resistenza e tenderà ad allargare il corsetto, quindi va ricalibrato e riportato alla misura necessaria.

– Metodo Ciclico:

questo metodo è più “easy” e meno rigoroso di quello precedente. Parte dal presupposto che il corpo non è stabile, ed è soggetto a cambiamenti, anche considerevoli nell’arco di una stessa giornata, per non parlare su una scala più ampia come nell’arco di un mese (basti pensare a quanto sia differente nei giorni ante ciclo mestruale, rispetto ai giorno post ciclo). La misura del girovita può modificarsi di diversi centimetri in base allo stress, alla ritenzione idrica, ai pasti, alla digestione, ecc.

Tutti questi fattori incidono molto su quanto possiamo sentirci comode nell’indossare il corsetto rispetto a una misura o un tempo prestabilito. Questo metodo consiste quindi in una realizzazione più intuitiva e “naturale”, ovvero nello stringere il corsetto esattamente nel modo in cui ci sentiamo comode in quel dato momento, aggiustandolo secondo i vari cambiamenti percepiti dal nostro corpo. Quindi può capitare che al mattino sia in grado di stringerlo intorno ai 62 cm, dopo pranzo senta il bisogno di allentarlo, e portarlo a 66, per poi stringerlo un pochino a metà pomeriggio, ecc. Insomma: quando lo sentite largo, lo stringete, quando lo sentite troppo stretto, lo allargate. L’importante è quindi riuscire ad indossarlo SEMPRE per gran parte della giornata.

I sostenitori di questo metodo, affermano che un costante utilizzo del corsetto, per un numero prolungato di ore, nonostante gli aggiustamenti, comporta comunque una considerevole riduzione del girovita, anche senza doverlo monitorare in modo costante.

 

Io sto usando il secondo metodo. Un po’ perchè non ho intenzione di ridurre in modo esagerato il girovita, perciò non mi sento nemmeno in dovere di farlo in modo così rigoroso come descritto nel primo metodo, un po’ perchè sono sicura che non ne avrei la costanza 😛

A voi non resta che scegliere quale rispetta maggiormente il vostro carattere e le vostre aspettative, e quindi quale seguire.

 

Corset Training – Italiano

Cos’è il “Corset Training”?

Corset Training in pratica

Il Corsetto – Come sceglierlo

Rodaggio del Corsetto (Seasoning)

Le forme dei Corsetti

Come Kim Kardashian?

Aggiornamento-Si ricomincia!

Aggiornamento Yeah!

Corset training e allenamento

 

10 thoughts on “Metodi per il Waist Training

  1. Pingback: Corset Training | Kinky and Fashion

  2. Ciao volevo chiederti se tu hai provato il waist training e di quanto hai ridotto. Io vorrei ridurlo di 5 cm non di piu ma ho letto tanti pareri a riguardo non favorevoli non so tu mi sapresti dire come ti sei trovata? se comunque non rischio niente di grave? Grazie ciao ciao

    • Ciao, io sì sto facendo Waist Training, e come in ogni cosa ci va un po’ di equilibrio e senso della misura.
      Quando compri un corsetto strutturato, meglio ancora se fatto su misura, ti toglie istantaneamente 3-4 cm (dipende anche dalla corporatura), se poi continui con il training questa riduzione continua e diventa sempre più stabile. All’inizio appena togli il corsetto ritorni esattamente come prima, man mano che passa il tempo la modifica diventa più persistente.
      Nell’immediato non ci sono interventi sostanziali sul corpo, il corsetto stringe soprattutto la zona addominale, dove ci sono organi molto morbidi e flessibili, che si adattano facilmente e tornano al loro posto appena lo togli. Quello che si nota è un minor appetito (per questo aiuta nelle diete) e una digestione più lenta. Se decidi di indossare un corsetto che tenti di modificare anche la conformazione della cassa toracica, per avere un effetto duraturo ci vuole veramente tanto tanto tempo.
      Per dirti la mia esperienza: ho iniziato il waist training con un corsetto “serio” a settembre con un girovita di 72 cm; nel periodo di Natale l’ho interrotto (per mangiare senza pensieri, eheheh) ed ero arrivata a chiudere il corsetto a 66 cm, anche se con un po’ di difficoltà perché ne usavo uno non fatto su misura e che mi comprime troppo la cassa toracica, e perciò ora me ne comprerò uno ad hoc per il mio corpo (ne ho provato uno più largo sul sottoseno e fianchi, e riuscivo a chiuderlo fino a 63cm nel girovita). Con un corsetto che non tenta di stringere le ossa, ma solo il girovita i risultati sono senza dubbio migliori. Al momento non ho ancora ripreso il training perchè mi sono beccata anche l’influenza, e appena mi sarò ristabilita rincomincio. In questo mese di interruzione, sono tornata esattamente come ero “ante-training”. Perciò posso dirti che tutte le modifiche che si ottengono in tempi piuttosto rapidi, altrettanto rapidamente tornano al loro stato “normale”, e questa consapevolezza mi fa affrontare il processo un po’ più a cuor leggero.
      Ovviamente poi dipende dalle proprie caratteristiche personali, quindi una cosa da non trascurare mai è di ascoltare il proprio corpo. Se, mentre fai il training, ti accorgi di non stare bene, interrompi assolutamente.
      Una cosa che invece c’è subito come effetto “collaterale” è un aumento della pressione sanguigna, perciò se soffri di pressione alta, ti consiglio di stare attenta. Stringendo la fascia addominale fa sì che il sangue fluisca velocemente verso il basso, ma fa poi più fatica a tornare su, perciò potrebbe contribuire alla ritenzione idrica, quindi bisogna bere tanta tanta tanta acqua.
      Una riduzione di 5 cm la puoi ottenere piuttosto facilmente. Se vuoi farti fare un corsetto su misura, io ho appena trovato un sito che fino alla fine di febbraio ha in promozione gli ordini a metà prezzo, e me ne farò fare uno ad hoc per le mie esigenze. E’ questo: http://artemiscorsetto.com/

      Spero di averti chiarito un po’ di dubbi, se hai altre domande, chiedi pure!
      in bocca al lupo 🙂

  3. Ciao quanto hai pagato per lo sdoganamento per il tuo corsetto da orchard corset? E quanto tempo ci voluto per arrivare il corsetto?
    Ho comprato online da orchard corset ma sono preoccupato.
    Grazie,:=)

    • Non ho pagato nulla perché è arrivato come posta normale… Non so se sono stata fortunata, però.
      Ci ha messo parecchio, circa un mese. Anche perché me lo davano per spedito in una certa data, ma invece me l’avevano spedito più di una settimana dopo.
      Tranquilla che arriva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...